Come scegliere le porte interne

Come scegliere le porte interne

Non dobbiamo pensare che sia solo il mobilio a determinare l’estetica e l’arredamento di una casa. Sono tanti gli elementi che entrano in gioco: i colori delle pareti, la tipologia di pavimento, le finestre ed ovviamente anche le porte interne. Insieme all’azienda Gioma srl che si occupa di porte interne a Trieste e provincia vedremo gli elementi a cui prestare attenzione nella scelta delle porte di casa.

Il primo elemento a cui prestare attenzione prima di scegliere ed installare le porte di casa è proprio, banalmente la loro misura o meglio l’ingombro del loro telaio. Se infatti volete collocare in una stanza un elettrodomestico particolarmente ingombrante come un frigo o un’asciugatrice, è bene verificare che questo elettrodomestico passi effettivamente dalla porta che avete scelto, onde evitare brutte sorprese. I rivenditori di porte possono fare dei sopralluoghi proprio per aiutarvi in questo senso.

Il secondo elemento da considerare che si appaia molto bene alla questione delle dimensioni è la questione del tipo di apertura. Dovete infatti ricordare che la porta una volta aperta, ha un certo ingombro e se il vostro appartamento è piccolo, forse l’apertura classica a battente potrebbe essere una soluzione che vi starebbe stretta a lungo andare. Meglio scegliere quindi la tipologia di porta che meglio si confà agli spazi che avete a disposizione. Le migliori porte salvaspazio sono indubbiamente quelle pieghevoli (o a soffietto) e quelle scorrevoli. Le porte scorrevoli a loro volta si distinguono tra porte scorrevoli filo muro e porte scorrevoli a scomparsa. Le porte scorrevoli a scomparsa come dice la parola, scompaiono all’interno della parete, ma come potete immaginare richiedono dei lavori di muratura che non sempre risultano possibili.

Per quanto riguarda colori e design ricordatevi che le porte interne devono abbinarsi a pavimenti (in legno o altri materiali) ed alle finestre, oltre che al mobilio. Mantenetevi su colori tradizionali e sempre attuali, evitando le nuance “di tendenza” che magari dopo qualche anno potrebbero risultare superate. I colori poi possono essere scelti in modo da armonizzarsi con pavimenti e finestre oppure, all’opposto essere selezionati per creare un contrasto netto. Nel dubbio fatevi consigliare.

Si può infine abbinare alle tipologie di porte sopra descritte delle caratteristiche extra. Una porta con vetro per esempio è particolarmente utile nel caso in cui la porta stessa vada a chiudere un ambiente particolarmente buio o mal illuminato. Oppure ancora una porta con specchio potrebbe aiutare a dare l’impressione di una casa più grande.