Condizionatori: tutto quello che c’è da sapere per l’installazione

Condizionatori: tutto quello che c'è da sapere per l'installazione

L’installazione di nuovi condizionatori è un’operazione imperdibile per l’anno corrente, vista la possibilità di risparmiare attraverso gli incentivi statali. È stato infatti confermato anche per il 2021 il bonus condizionatori, che consente la detrazione fiscale del 50 % o del 65% sul totale della spesa.

Le detrazioni fiscali fanno parte del piano governativo per il risparmio e l’efficienza energetica, ad avranno effetto al momento della dichiarazione dei redditi per 10 anni successivi all’acquisto: la quota verrà infatti ripartita in 10 rate annuali di pari importo.

Installare un nuovo condizionatore, oppure sostituire quello vecchio, oggi è semplice ed economico: basterà consultare il sito dell’Agenzia delle Entrate per reperire tutte le informazioni sul bonus.

Come funziona il bonus

La detrazione di cui si potrà usufruire è legata al tipo di lavorazione che si andrà ad eseguire: il 50% spetta in caso di ristrutturazioni ordinarie (in caso di ristrutturazioni straordinarie bisognerà acquistare un climatizzatore che abbia una classe energetica almeno A+), mentre per quanto riguarda la detrazione del 65% sarà possibile accedervi acquistando un condizionatore ad alta resa energetica, che sostituirà un climatizzatore di classe inferiore.

L’accesso al bonus è consentito quindi sia in presenza che in mancanza di interventi edili, basterà soltanto soddisfare i parametri richiesti.

Le detrazioni del 50% e del 65% riguardano l’IRPEF, la tassa sui redditi, e per accedervi bisognerà presentare la situazione patrimoniale e documentare l’acquisto degli impianti di climatizzazione, utilizzando pagamenti tracciabili.

Il bonus condizionatori è rivolto a chi detiene diritti sull’immobile (i proprietari, intesi come soggetti privati, società, cooperative, associazioni, enti pubblici e privati) ed a chi si occupa delle spese inerenti l’immobile (come locatari o conviventi).

Quale scegliere: monosplit o multisplit?

Dipende dalle esigenze. Entrambe le soluzioni sono percorribili, ma a seconda delle diverse necessità si potrà scegliere quella più consona.

I climatizzatori monosplit sono formati da una singola unità esterna collegata ad una singola unità interna, sono ideali per gli ambienti piccoli (bilocali, monolocali, uffici e negozi di piccole dimensioni) e per servire singole stanze. Gli aspetti più vantaggiosi dei monosplit riguardano una generale riduzione di costi, dimensioni e consumi rispetto ai multi.

I climatizzatori multisplit sono composti da una singola unità esterna collegata a più unità esterne, ed a seconda del numero variabile delle unità esterne è possibile trovare condizionatori dual split (con due unità) o trial split (con tre unità). Sono perfetti per ambienti grandi (ville, grandi appartamenti, vaste aree commerciali) visto che possono servire più ambienti, tanti quanti le unità esterne che si deciderà di installare.

A chi affidarsi

Per l’installazione di un nuovo condizionatore (e per gli eventuali interventi edili che accompagnano il bonus) bisognerà affidarsi ad aziende competenti, che rispettino le normative vigenti e che siano provviste delle abilitazioni necessarie.

Edilfuni.it risponde perfettamente a questa esigenza, avendo tutti i requisiti per l’installazione di climatizzatori.

Edilfuni è un’azienda che utilizza l’edilizia acrobatica per eseguire qualsiasi intervento edilizio ad alta quota: niente ponteggi ed impalcature, si utilizzano corde, funi ed imbracature di sicurezza, per lavori rapidi, economici e poco invasivi.